Evento Vela&Sapori 3a edizione

“A nome mio, del Prof. Edward Canepa e del nostro Presidente Dino Nascetti, un sentito ringraziamento e i nostri complimenti per il successo dell’edizione 2011 di 1001Vela.
L’accoglienza che ci avete riservato è stata veramente splendida e tutta l’organizzazione è stata perfetta. Che dire poi dei luoghi e delle strutture che ci hanno ospitati? Veramente bellissimi.
Ti preghiamo voler estendere i più sentiti ringraziamenti al Prof. Roberto Lagalla - Magnico Rettore dell’Ateneo di Palermo, che ha contribuito in modo così significativo ed ecace alla realizzazione dell’evento, e a tutti i  componenti del team che a Mondello ha fornito supporto organizzativo ed assistenza tecnica ai ragazzi e a tutti noi.”

Elisabetta Nardi – Polo didattico di La Spezia

“Quest anno, grazie allo sforzo di molte persone che hanno profuso non poco tempo e non poche energie e passione, a Mondello 1001vela ha toccato un livello di eccellenza organizzativa che probabilmente faticheremo a eguagliare in futuro.”
Andrea Ratti – Politecnico di Milano

“un grazie di cuore per la superba ospitalità e organizzazione. Ho apprezzato non solo il vostro personale impegno, ma quello di tutto lo sta organizzativo, sempre disponibile e presente, sia per le regate che per ogni altra esigenza. Non ho parole per la magnicenza delle cene e per il meraviglioso contesto in cui le avete organizzate.”
Andrea Lazzaretto – Università di Padova

Il giorno 07 Giugno 2011 alle ore 10.00 presso l’Aula Consiglio della Facoltà di Ingegneria  dell’Università degli Studi di Palermo si terrà il seminario “Dalla progettazione all’America’s Cup”  tenuto dall’ing.  Giovanni Ceccarelli, +39 Challenge Yatch Designer.
All’incontro interverranno inoltre il prof. Fabrizio Micari – Preside della Facoltà di Ingegneria e il prof. Antonio Mancuso, responsabile di progetto di Zyz Sailing Team.

La costruzione dello scafo è eseguita mediante il metodo dello Strip-planking che consiste nell’incollaggio di listelli di Okumé sulle paratie profilate con taglio a controllo numerico.

Una delle prime fasi è l’approvvigionamento del legname necessario per la preparazione dello scalo e la costruzione della struttura e dello scafo. Lo Castro ci ha fornito l’Okumè e il multistrato di Pioppo che successivamente la BOD ha tagliato a controllo numerico ricavando le ordinate dello scafo.

Lunedì 6 Aprile abbiamo cominciato l’allestimento del cantiere. La prima fase ci ha visti alle prese con transpallet e ramazza per spostare i macchinari dell’officina di meccanica e ripulire lo spazio riservato alla costruzione di Zyz. Successivamente abbiamo isolato l’area di lavoro con dei fogli di policarbonato fissati ad una intelaiatura d’acciaio.

Abbiamo completato la progettazione di Zyz ottenendo:
1) le forme della barca e le principali caratteristiche idrostatiche;
2) il piano velico e la deriva;
3) il comportamento dello scafo al limite della planata mediante simulazioni CFD;
4) la caratterizzazione del materiale (multistrato e segato di okoumè) che utilizzeremo per la costruzione;
5) il dimensionamento delle strutture in base alle Norme e ai risultati di simulazioni FEM

Si è svolto lo scorso 4 marzo un incontro tra i membri del team ed il progettista Giuseppe Filippone, esperto in tecniche costruttive e progettista navale, riguardante aspetti tecnico-costruttivi della realizzazione di Zyz. Tale incontro, estremamente interessante e proficuo, ha consentito ai ragazzi del team di apprendere molte informazioni utili per risolvere problematiche tipiche di cantiere ed ha permesso di tracciare le linee guida per l’effettiva realizzazione dello scafo con la tecnica dello Strip-Planking. ll team Zyz ringrazia sentitamente Giuseppe Filippone per il suo supporto e la sua disponibilità.

Il 20 Marzo Zyz è stata presentata al SEATEC di Carrara, rassegna internazionale, tecnologia, subfornitura e design per imbarcazioni, yacht e navi. La presentazione è avvenuta nello stand di “Mille e una vela per l’università” allestito dall’università Roma3 di Roma dal prof. Maurizio Ranzi.

Abbiamo optato per una barca “boliniera” con forme arrotondate, progettata per regate da svolgere su un percorso a bastone con vento medio. Il piano velico è costituito da randa, fiocco (7/8) e gennaker. Abbiamo scelto di dotare Zyz di due trapezi e di non aggiungere le terrazze. Le appendici (timone e deriva) saranno scelte una volta definito il progetto.


Categorie